Più forti insieme – Taxi a 1 euro per il personale degli ospedali di Bologna

18 Aprile 2020

In taxi per raggiungere l’ospedale, o per tornare a casa, al costo simbolico di 1 euro. Il nuovo servizio sarà gestito da Fondazione Sant’Orsola e Cotabo e decolla grazie al contributo di un’importante realtà del Terzo settore bolognese. Si estendono così i servizi messi a disposizione del personale del Policlinico e degli Ospedali Maggiore e Bellaria in prima linea per l’emergenza Coronavirus.

 

Il nuovo servizio aiuta a risolvere una criticità importante. La riduzione delle corse degli autobus e gli orari di inizio e fine turno che spesso si estendono in fasce in cui la copertura è ancora minore, rendono difficile spostarsi per medici, infermieri e operatori socio-sanitari che non possono utilizzare l’auto.

 

Il servizio potrà essere attivato per raggiungere l’ospedale da casa, per spostarsi tra un ospedale e un’altra sede del sistema sanitario metropolitano (sedi di via Gramsci e via Castiglione) oppure per ritornare a casa dall’ospedale a fine turno. Salendo sul mezzo il personale sanitario dovrà presentare il tesserino al taxista che prenderà nota di nome, cognome e numero di matricola.

 

Cotabo si è impegnata a mantenere una presenza costante di mezzi nelle piazzole presenti nelle aree dei tre ospedali. Per ogni viaggio il personale sanitario dovrà pagare soltanto un euro. Il servizio inizierà lunedì 20 aprile e resterà attivo fino a che non saranno rientrati i disagi provocati nel trasporto pubblico locale dall’emergenza Coronavirus. I Comuni coperti dal servizio sono oltre al Comune di Bologna, quelli di :  Anzola dell’Emilia, Calderara di Reno, Casalecchio di Reno, Castel Maggiore, Castenaso, Granarolo dell’Emilia, Ozzano Emilia, Pianoro, Sasso Marconi,  San Lazzaro di Savena e Zola Predosa.

 

“Pur essendo tra le categorie maggiormente penalizzate dalla pandemia – ha dichiarato il presidente di Cotabo, Riccardo Carboni – l’impegno dei nostri soci per aiutare chi aiuta è aumentato. Siamo orgogliosi di loro, così come ci riempie di orgoglio metterci a disposizione di chi è in prima linea nella battaglia contro il virus. Siamo parte della comunità, dobbiamo impegnarci migliorarla. Insieme ne usciremo”.

 

“Con questa iniziativa – commenta il presidente della Fondazione Sant’Orsola, Giacomo Faldella – estendiamo ancora i servizi per sostenere gli sforzi del personale sanitario e ci riusciamo facendo rete tra realtà diverse. Questa capacità di unire le forze per una buona causa comune è una buona notizia per la nostra città, che così si stringe ancor più attorno ai suoi ospedali e del personale sanitario”.

 

Cotabo è impegnata già con Fondazione Sant’Orsola per consegnare ogni giorno la spesa a domicilio al personale di Policlinico e Ospedali Maggiore e Bellaria che ne fa richiesta (informazioni sul sito www.fondazionesantorsola.it/per-voi). Dal 30 marzo sono già state consegnate 504 spese in tutto il territorio del Comune di Bologna, anche a casa del personale in isolamento perché positivo al Coronavirus, sia a casa sia negli alloggi messi a disposizione dalla Fondazione.