Sarcomi, nel ricordo di Maria Rosaria parte una nuova ricerca

4 Ottobre 2019

“Non abbiamo fatto altro che realizzare un suo desiderio”. Così Cecilia Tetta spiega la decisione presa insieme alla madre di realizzare una donazione in memoria della sorella, Maria Rosaria, professoressa di lettere al liceo Fermi di Bologna, scomparsa nel luglio scorso per una rara forma di sarcoma.

 

“Lungo tutto il cammino con la malattia, iniziato nel 2015 – racconta la sorella – ha sempre desiderato che si potesse fare di più in futuro per la ricerca delle forme neoplastiche rare come quella che l’aveva colpita affinché altre donne potessero avere un percorso meno irto del suo”.

 

La donazione alla Fondazione Sant’Orsola andrà così ad un progetto di ricerca sui sarcomi condotto dalla professoressa Maria Pantaleo, del reparto di Oncologia medica del Policlinico, che ha seguito in questi anni Maria Rosaria insieme al chirurgo Sergio Concetti. “Un costante supporto umano e professionale – ricordano i famigliari – grazie a cui non si è mai persa d’animo”.

 

“Il nostro Policlinico – spiega la professoressa Pantaleo – è un centro di riferimento nazionale ed europeo per la cura dei sarcomi, una famiglia che comprende più di 50 tipologie diverse di tumore. Tra di loro diversa è la diagnosi, diversa è la prognosi, diversa è la terapia, diversa è la gestione da parte del medico: una differenziazione che richiede grande competenza ed esperienza”.

 

“Per migliorare la cura di questa malattia – prosegue la professoressa Pantaleo –la ricerca è un’alleata preziosa. Il progetto di ricerca supportato dalla generosità di Maria Rosaria ha come obiettivo lo studio di marcatori tumorali che possano predire in anticipo l’efficacia delle cure evitando quindi di protrarne alcune laddove potrebbero essere inutili, spingendo ad un cambio di strada farmacologica più precocemente possibile e a intensificando quelle che potenzialmente potrebbero essere più efficaci”. (nella foto: la professoressa Maria Pantaleo)

 

 

Donazioni in memoria – Per saperne di più